Il vomito, punto.

La foto del piccolo Aylan, riverso sulla spiaggia, l'avrei voluta vedere così, solo così. Come l'ha rappresentato questo artista, al sicuro nel suo lettino.
Io capisco scuotere le coscienze...ma non so dirvi che piangere la foto di questo piccolo sulla spiaggia. Un piccolo che per età potrebbe essere mio figlio, quello che ho perso.
Non ce la faccio. 
Proprio no.
E il pensiero che le 'invasioni barbariche' e le morti ad esso connesse sono ben al di là di finire, soprattutto in virtù della "lungimiranza" dei nostri politici...mi viene il vomito.


Commenti

  1. questa foto mi fa venire una rabbia, ma una rabbia feroce. Sono anni che muoiono bambini, neonati, donne e uomini che affondano nel canale di Sicilia ma adesso le "coscienze" si sono svegliate perché hanno visto questo bimbo. La strumentalizzazione di questa morte mi offende ferocemente.

    RispondiElimina
  2. a me fa accapponare la pelle. e fa molta rabbia!

    RispondiElimina
  3. la cosa più brutta è che secondo me moltissime persone non si sono chieste perchè proprio questa foto, dopo tante morti. Perchè usare un bambino, per avere una reazione. Ed ora, una gara di buonismo da parte di tutti. Arriverà però l'inverno, le navigazioni saranno meno frequenti a causa del mare in burrasca e...ci dimenticheremo di loro fino a marzo?...spero di no. Spero che finalmente ci si decida ad andare ad aiutarli in patria. Perchè - al di là dell'accoglienza - migrare dovrebbe essere una scelta, non l'obbligo per sopravvivere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

i gruppi di whatsapp

Le pezze are back